Boga_Grip_Spinning_Mare

Boga Grip: che cos’è e come utilizzarlo

Il Boga Grip: che diamine significa? Che cosa è? Bene se non sapete minimamente cosa sia un boga siete nel posto giusto! Ora vedremo insieme che cosa è questo strumento, quali sono le sue componenti fondamenti e come utilizzarlo. IL boga è quella sorta di “bastone” dotato di 2 pinze che utilizzano molti pescatori.

Catch & Release

Ma a cosa serve?  Il Catch and Release o anche scritto C&R è una pratica che ha l’obiettivo di catturare  e liberarla immediatamente la preda recandole il minor danno possibile. Tale pratica non è solo estremamente rispettuosa ma anche utilizzata in alcuni casi per etichettare e vigilare alcune specie ittiche. Il boga è apliamente utilizzato nel C&R dunque è senza dubbio uno strumento utile. Analizziamolo nel dettaglio partendo dall’alto.

Il Manico

Il Boga è dotato di un manico, spesso ricoperto da materiale anti-sdrucciolo in maniera tale da poter essere utilizzato con acqua o umiditá. Con una buona presa non corriamo il rischio di perderlo inoltre è dotato di un cordino con il quale possiamo assicurarlo al polso.

Meccanisco Centrale

Scendendo c’è un meccanismo a leva rappresentato da un disco. Il disco è connesso con una molla alle ganasce. Sará questo il punto di azione del Boga Grip: se tiriamo il disco verso l’alto le ganasce in basso si apriranno se lo lasciamo si chiuderanno.

Le Pinze

All’estremitá troviamo le gansce, due pinze che vanno a chiudersi sulla bocca del pesce e possono essere metalliche o di altri materiali. Sono pivotali o , in altre parole, ruotano a 360 gradi in maniera tale da assecondare i movimenti del pesce e recargli cosí il minor danno possibile.

L’uso corretto del Boga Grip

Ma l’uso del Boga Grip siamo sicuri non ferisca il pesce? Questa è la domanda di molti, ed è anche la piú difficile a cui rispondere! Come per tutte le cose il buon senso non guasta mai! Potrà giovare alla salute del pesce un sollevamento in verticale dello stesso? Bhe.. la risposta è ovvia, NO. Molti pescatori lo utilizzano in quest’ultima modalità per farsi “la foto” in tal caso è solo utile per proteggiersi da qualche dentatura possente ( vedi Barracuda o Pesce Serra) ma non per altro! Buona norma può invece essere il recupero manuale della lenza degli ultimi 2 metri ed utilizzare il Boga con la preda ancora in acqua al fine di slamarla. Se proprio non resistiamo e vogliamo fare una foto con il pesce, prendetelo! Bagnatevi prima le mani, aiutatevi con il Boga ,tiratelo su, slamatelo e liberatelo il prima possibile!

Pesce Serra_Anchova_AletSpinning_WTD

Un Serra notturno

Finalmente si rientra “alla base” la mia casa in Italia! Neanche il tempo di arrivare che giá non vedo l’ora di andare a pescare, eh si… è proprio una droga! Appuntamento con ale ore 6 ed altri ragazzi del nostro Team di pesca, prendiamo la barca e andiamo nella solita foce che spesso e volentieri ci regala grandi soddisfazioni!

Attrezzatura e Spot

La canna impiegata è una “Rapture” e il mulinello un Pen imbobinato con trecciato ed un finale in fluorocarbon. Attrezzatura di medio livello ma più che sufficiente per affrontare i serra. Iniziamo a lanciare sulla foce utilizzando come artificiali i nostri needle Swordy, degli autocostruiti da 21cm e 30 grammi. Al secondo lancio, grande botta sulla canna di Ale ma l’abilitá del pesce ha la meglio e lo perdiamo.

Il Recupero.. 2 maniere diverse ma comunque vincenti

Rilancio ripetutamente sempre jerkando a canna alta e facendo scodare il mio needle. L’andatura è davvero affascinante e decisamente accattivante. Ale recupera con jerkate piú decise io invece adopero jerkate piú lente e continue. Nel frattempo arrivano altri pescatori e il sole inizia calare, è l’ora vincente! Cambio il mio artificiale e inizio a pescare con un Tyde jerkando energicamente, ma anche questa volta niente da fare…Ormai sono le 8 e si avvicina l’ora di cena. Il pesce c’è! Bollate , muggini che saltano e alcune ferrate non andate a buon fine.

È l’ora del nostro WTD Tail

Ritorno a pescare “topwater” scelgo questa volta il nostro Tail, un WTD autocostruito di 10,5 cm che scoda davvero bene. Lancio e recupero ma il pesce non sembra apprezzare, sono le 9 ed è ormai l’ora di andare. Scoraggiato inizio a perder e un pò la concentrazione lancio e recupero jerkando… ma proprio nell’oscurità totale grande botta  e canna piegata! Il Tail ha fatto centro! Il serra inizia la fuga ma dopo una piccola lotta ce l’abbiamo a bordo… Un pesce di buone dimensioni sui 2kg, magro dovuta la stagione e per questo probabilmente stanco tuttavia capace di regalarci davvero belle emozioni e qualche foto da mostrarvi!

Livrea Hardbait spinning

Le livree delle HardBait: Che colore scegliere?

Per chi fosse “alle prime armi” nella pesca a spinning la parola HardBait (esca dura) si riferisce a tutte quelle esche  solide e dure escludiamo dunque in questo articolo vermi siliconici e quant’altro che fanno parte di un’altra famiglia.

Il famoso “Testa-Rossa”

” Il testa rossa è il migliore” Quante volte abbiamo sentito  questa affermazione, soprattutto negli anni passati! Ma siamo veramente sicuri sia corretta? Sicuramente il testa- rossa è un valido artificiale si usa ancora ma certamente in misura inferiore rispetto ad anni passati. Che cosa è successo?! I nostri predatori hanno cambiato gusti? Si sono stancati di questa fantasiosa imitazione? Certamente no!

La pesca a spinning è una tecnica in continua evoluzione e con essa gli artificiali che si adoperano! Esiste inoltre una forte componente commerciali, vedremo dunque in questo articolo di affrontare in maniera generale le colorazioni degli artificiali per poi entrare nel dettaglio in un secondo articolo.

Le preferenze alimentari

I predatori, come noi, hanno preferenze alimentari salvo casi di estrema necessità dove si mangerebbero anche una scarpa! Questa supposizione può essere facilmente verificata trainando col vivo: traini in una zona ricca di Pesci Serra con una occhiata e non ricevi una “Partenza” traini con una aguglia( Needle) , tempo di metterla in acqua che già senti la frizione del mulinello cantare! Dunque quello che possiamo affermare con certezza è che ogni specie ha le sue preferenze alimentari. Questo sarà il punto di partenza del buon pescatore a spinning! Una volta individuate le possibili prede dovremmo concentrarci sugli artificiali, la dimensione e il colore. Qui entrano in gioco le livree, c’è chi sostiene che pescare con una esca con livrea naturale sia meglio che pescare con una esca con colorazioni sgargianti. Io vi confesso che appartengo a quella categoria di pescatori a spinning che preferiscono colorazioni del tutto naturali, tuttavia ho visto palesemente che determinati giorni catturano molto di piú  esche con colori fluo! Che cosa c’è di naturale in un colore fluo!? Bhe… niente!

Gli artificiali fluo e la luminositá!

Senza entrare troppo nel merito del potere visivo dei pesci, di sicuro un’acqua limpida agevola una miglior visione dell’artificiale. In questi casi la livrea sará preferibilmente naturale. In caso contrario, per esempio pescando nelle foci di fiumi, ho riscontrato efficacia nell’utilizzo di colorazioni fluo.

Altro fattore di estrema importanza è la luminositá. Il riflesso dei raggi del sole sul nostro artificiale sará più o meno accentutato a seconda delle condizioni meteo. Dal riflesso dei raggi del sole sul nostro artificiale scaturiscono segnali luminosi capaci di richiamare il predatore. Abbiamo già detto che un’acqua limpida accentua la visibilitá del nostro artificiale ma qualora non si disponesse di questa condzione si può giocare con il riflesso e giochi luminosi. In acque torbide o poco cristalline risultano efficaci artificiali dalle livree altamente riflettenti, bianchi o fluo. Il pescatore non giocherá sulla riproduzione perfetta della livrea della preda ma sul “richiamare” il predatore con riflessi e colori forti capaci di scaturire l’istinto predatorio

Piccola considerazione finale

Per terminare possiamo affermare che la scelta della livrea non è riconducibile a nessuna legge fissa o buona norma. La colorazione va in funzione dello spot di pesca cosí come delle condizioni meteo-marine sole, nuvole, acqua torbida o limpida