INIZIA A PESCARE LE TROTE CON I ROTANTI!

Allora sei pronto per pescare le trote a spinning?

Oggi parleremo di come affrontare lo spinning alla trota nella maniera piú semplice possibile, insomma per i principianti!

Il Team AletSpinning ti mostrerá tutto quello che devi sapere sui cucchiaini: degli artificiali piuttosto semplici da utilizzare e super efficaci!

Dunque, non c’è tempo da perdere, andiamo!

L’ALIMENTAZIONE E LE ABITUDINI  DELLE TROTE

Prima di tutto devi tenere a mente che piú sali di quota piú le trote saranno snelle e lunghe.

Non aspettarti di rgagiungere i 2500 metri e pescare una trota di 4kg, sará quasi impossibile!

Ció è dovuto alla loro dieta che sará esclusivamente di insetti e piccoli invertebrati presenti vicino alle sponde.

Invece, le trote del fondovalle dispongono anche di piccoli e pesci avannotti che cacciano con voracia.

Se vuoi praticare con successo lo spinning alla trota, ti diciamo subito che dovrai sempre “tener sott’occhio” la temperatura.

 Infatti le possibilitá di andare a segno sono superiori all’aumentare della temperatura dell’acqua.

GLI ARTIFICIALI PER LO SPINNING ALLA TROTA

Come saprai, il mercato ti offre una amplissima gamma di artificiali

Per comoditá li riassumeremo e catogheremo in:

  • rotanti
  • ondulanti
  • minnow
  • siliconiche

Gli approfondimenti su come usare gli artificiali per le trote, saranno trattati in articoli a parte “ad hoc” sempre curati dal Team Alet.

Qui parleremo dei rotanti, detti anche “cucchiaini“. Questo genere di artificiali sono i piú facili da gestire e solitamente i piú utilizzati.

La loro fama si deve sia alla facilitá d’uso che al loro prezzo decisamente economico.

Se svolete iniziare a pescare le trote a spinning, allora questo artificiale fa per voi! Ricordatevi che se state pescando ( o velete pescare) in zone  “No Kill” allora siete tenuti a sostituire l’ancoretta con un amo singolo.

Tra i cucchiaini citiamo il celebre Martin, particolarmente catturante.

I cucchiaini sono artificiali semplici e costituiti essenzialmente da 6 parti:

Madre: asse in acciaio dove si sviluppa tutto l’artificiale

Occhiello: Asola della madre nella parte superiore dove puoi fissare il cucchiaino con la tua lenza

Paletta: pezzo di acciaio o altro metallo schiacciato generalmente lucido

Cavallerino: piccolo pezzetto metallico che vincola la paletta alla madre del cucchiaino permettendole di ruotare e scorrere

Corpo: si tratta di un piccolo cilindro cavo all’interno infilato sulla madre, conferisce il giusto peso all’artificiale

Ancoretta: Come detto sopra, da sostituire con amo singolo in “No Kill ” Area

COME PESCARE CON IL CUCCHIAINO ( ROTANTE)

Se state pescando con un rotante, ricordatevi di prestare attenzione al colore della paletta, meglio evitare colorazioni sgargianti e lasciare il colore del metallo vivo.

READ  UNA TECNICA SCONOSCIUTA: LO SPINFLY

Prestate anche attenzione alla rotazione della paletta, questa deve muoversi perfettamente e senza il minimo indugio.

Infatti il potere catturante del cucchiaino non viene tanto dalla sua livrea quanto dalle vibrazioni che immette nell’acqua al ruotare.

Una volta lanciato, il nostro cucchiaino sfarfallerá ( “wobbling”) in caduta, proprio in questi istanti capita che la nostra trota faccia la sua comparsa per mordere il nostro artificiale!

LE PALETTE DEI CUCCHIAINI (ROTANTI)

La parte piú importante del nostro cucchiaino è senza dubbio la paletta.

Questa puó avere diverse forme e dimensioni. Tra le piú conosciute abbiamo:

  • Forma Rotonda ( a goccia)
  • Forma Allungata ( a foglia di salice)

Uno dei problemi dei cucchiaini è senza dubbio la tenuta alla corrente. Se state pescando in acque con grande turbolenza, è possibile che il vostro cucchiaino non riesca a “lavorare bene” e riemerga piú volte in superficie

Se vi trovate in questa situazione, allora dovete utilizzare un cucchiaino con paletta ” a forma di salice” e preferibilmente con un copro piú grande.

Questa paletta è infatti molto piú idrodinamica rispetto a quella rotonda e pertanto non risente delle forze della corrente che agiscono su di essa.

Come conseguenza l’artificale rimane piú sul fondo e potrá lavorare anche in presenza di acque mosse e turbolente.

I cucchiaini con paletta ovalizzata sono invece perfetti per acque tranquille

Dunque, riassumendo:

Palette lunghe e strette>>> acque mosse

Palette tondeggianti >>> acque tranquille

VIBRAX

Poi ci sono varianti davvero bizzarre come ad esempio il Vibrax.

Questi cucchiaini hanno la paletta tondeggiante sul cavallerino, e un corpo zavorrato.

Questo artificiale, facilmente riconoscibile per la sua forma a campana, presenta inoltre sfere interne capaci di dare ” quel pizzico in piú” di vibrazioni sempre utili.

TANDEM

Alcuni rotanti presentano non una ma bensí 2 palette. Se state pescando con un artificiale di questo tipo, bhe allora state utilizzando un Tandem

Questo tipo di rotanti non vengono molto utilizzati per la pesca alla trota ma invece sono utilizzati con successo per la pesca del luccio ad esempio.

Di certo vi sarete fatti una idea di che cosa è un cucchiaino e come poterlo utilizzare per pescare le trote

Ora tocca a voi!

Non vi resta che prendere la vostra canna da spinning e provare…

Ricordatevi che nella pesca non sempre vince il pescatore, anzi!

Allora dovrete essere pazienti e perseveranti, di sicuro le soddisfazioni arriveranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *