Riparazione canna da pesca rotta: è possibile?

riparazione canna da pesca

Oggi parleremo di un argomento largamente discusso tra i vari appassionati di pesca: la riparazione di una canna da pesca rotta.

Quanto sono belle le nostre amate canne da spinning! Ma quando subiscono danni, sono dolori…

Come tutte le canne da pesca, anche quelle da spinning hanno il grosso handicap della fragilità.

E, proprio come tutte le canne da pesca, una delle parti piú soggette e usura e rottura è l’estremità ultima della canna, chiamata anche “vettino” o “cimino”.

I vettini delle canne da spinning, in particolar modo quelle da spinning leggero o ultra-leggero, hanno diametro ridotto e presentano dunque un’elevato rischio di rottura.

Tuttavia, i vettini non sono l’unica parte esposta a rottura delle vostre canne da pesca. Qui di seguito vi riporto due aneddotti al riguardo

I vari pericoli per la nostra canna da spinning

Sono molti i pericoli che può correre la nostra canna da spinning.

Ricordo ancora, quando, pescando tra gli scogli in Sardegna, appoggiai la mia canna su di uno scoglio per raggiungere mio padre poco piú in là.

Quando tornai alla mia postazione di pesca, persi l’equilibrio e…crack!

Avevo messo il piede proprio sul manico della mia canna.

Risultato? Canna rotta in 2 parti!

In un’altra occasione, quando avevo circa 15 anni e stavo facendo i primi passi nel mondo dello spinning, mi trovavo in un lago alpino, durante una escursione con i miei genitori. Mi accompagnava nella bellissima giornata una canna bolognese lunga 3 metri e mezzo e con me diversi cucchiaini.

Ecco.. se “ci capisci” un minimo di canne da pesca e canne da spinning, avrai giá capito che non avevo proprio la combo perfetta.

E infatti, dopo qualche strisciata incagliai, iniziai a tirare e tirare e successe qualcosa di inevitabile: il vettino si ruppe in due!

Questi due aneddoti sopra rappresentano due esempi di un danno importante che può subire una canna da pesca. Ma non solo. Spesso, durante la camminata per raggiungere lo spot di pesca, capita di “far impuntare” la canna nel terreno, oppure di farla impigliare in reti o arbusti.

I punti deboli della canna da spinning

Le canne da spinning sono canne piuttosto robuste.

Alla fine questo genere di canne sono nate per lanciare e recuperare artificiale continuamente per ore, giorni e mesi.

Non sono facili da stroncare ma comunque hanno i loro “punti deboli”.

Uno degli svantaggi di molte canne da spinning è che sono canne prodotte in 1 o 2 pezzi (i modelli due pezzi vanno per la maggiore).

Durante il trasporto questo è un grosso handicap perché, se non protette adeguatamente, è facile far cadere uno dei due pezzi su una roccia appuntita, oppure metterci il piede sopra.

Il vettino, ancora una volta, rappresenta la parte piú esposta a rischi.

Se trasporti la tua canna da spinning con il vettino esposto agli ostacoli, uno degli incidenti piú comuni e pericolosi è infilzare una rete o un ostacolo mentre cammini.

Spesso un incidente di questo tipo risulta “fatale” per il cimino ed è particolarmente frequente nelle canne monopezzo.

E’ possibile riparare una canna da spinning?

Questa è una delle domande che riceviamo più spesso. Ma è davvero possibile ripristinare la canna in seguito a un danno?

Bhe, prima di tutto occorre capire se la canna è cava oppure no. Le canne da pesca cave sono decisamente più difficili da riparare rispetto quelle piene.

In seguito ad un urto, se il grezzo della vostra canna è pieno, tenderá a sfilacciarsi e ad aprirsi come “un ramoscello”.

Invece se la vostra canna da pesca ha un grezzo cavo la rottura sará piú ” pulita”.

Nel primo caso occorre pulire per bene il grezzo ed effettuare un intaglio sull’estremitá del manico per poi collegare “ad incastro” il cimino rotto. Solo a questo punto si procederá all’utilizzo di colle speciali.

Se la canna è cava, invece le cose si complicano (e non di poco).

Il principio sará quello di ripristinare la resistenza interna persa con la rottura. Generalmente, gli esperti riparano queste canne utilizzando un piccolo corpo cilindrico da inserire nella parte rotta. Questo piccolo cilindro ha la funzione di ripristinare la resistenza della canna nel punto della rottura.

A questo punto, le due estremità cave verranno riposte sopra al piccolo cilindro e si lavorerà poi con colle e resine.

Ci tengo a precisare che, sebbene abbia letto diversi articoli al riguardo, non sono un esperto di riparazione! in vita mia ho riparato solo 4-5 canne. Quasi tutte con rottura sul ciminino.

aggiustare canna da pesca
Danno Riparabile

La soluzione piú sicura ed immediata è rappresentata dal taglio e rifacimento del cimino stesso. Soluzione pratica ed efficace per danni contenuti (perdita cimino massima minore di 8 cm) Se invece hai un danno più importante. allora dovrai percorrere una delle strade descritte sopra.

canna da pesca rotta
Danno da Valutare – Non di Semplice risoluzione

Riparazione canna da spinning: a chi rivolgersi?

Devi assolutamente sapere che aggiustare una canna da pesca non è un’operazione facile. Infatti, ci sono alcuni negozi di pesca che offrono questo servizio ed in genere questi dispongono di veri e proprio artigiani esperti in questi lavoretti.

Se sei un amante del “fai da te” sappi che potresti fare un bel ” buco nell’acqua”.

La situazione tipica è quella di una riparazione mal eseguita e conseguente ri-rottura della canna dopo qualche lancio o, ancor peggio, con il pesce in canna.

Se hai una canna da pesca rotta che vuoi riparare, ti consiglio vivamente di portare l’attrezzo in un buon negozio di pesca specializzato per questo genere di lavori.

Potrai valutare insieme a loro l’entitá del danno e il costo associato per ripararlo.

Comprare una canna nuova non è mai una brutta cosa. E se proprio vuoi cimentarti nel “fai da te”, una buona idea può essere ri-utilizzare la canna danneggiata per farne un bel guadino. Non ci hai mai pensato?

Seguici ed entra a far parte della nostra community:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.