SALMONIDI E TROTE: UNA GUIDA PER TE!

“Ma è un’iridea o una fario?”

Solo a leggere la domanda sopra, qualche esperto trotista dedido allo spinning in torrente stará rabbrividendo

Se ricadi in questa categoria, ovviamente non avrai dubbi di questo tipo.

Ma come ben saprai, il Team AletSpinning scrive per insegnare “ai piú” come pescare a spinning!

Dunque se sei un principiante della pesca a spinning, o magari la pratichi in mare e ti vuoi avvicinare allo spinning in torrente, questo articolo è ASSOLUTAMENTE PER TE

In questo articolo, il Team AletSpinning  specialista di questa tecnica di pesca , ti mostrerá tutti i vari tipi di Salmonidi presenti nelle nostre acque, con particolare “FOCUS” alla trota

Dunque scoprirai che cosa è una trota iridea e una fario ma anche che cosa è un temolo!

Esistono molte specie di trote. Alla fine di questo articolo saprai PERFETTAMENTE  distinguerle e insidiarle

Dunque cosa stiamo aspettando? Forza, addentriamoci nel fantastico mondo dei salmonidi!

LA FAMIGLIA DEI SALMONIDI

La trota appartiene alla famiglia dei salmonidi,  appartenente all’ ordine dei Salmonidae.

La famiglia dei salmonidi è presente in tutto l’emisfero nord del mondo. Nelle zone temperate e fredde e fino alle zone polari, sia nei mari che nelle acque interne

Tuttavia sono state introdotte anche in altre zone non originarie.

Insomma, la potete trovare un pò ovunque dove esistono caratteristiche climatiche idonee per questo predatore

Etimologia – Latino, salmo, -onis = pesci simili alla trota

originariamente il gruppo comprendeva solamente i salmoni, salmerini e trote.

Successivamente, dopo una seconda attenta anlisi, gli ittiologi hanno deciso di includere in questo gruppo anche altre famiglie: quella dei Coregonidi e dei Timallidi

Coregoni

La sottofamiglia è formata da ben 70 specie diverse, alcune probabilmente estinte. In Italia sono presenti il coregone Lavarello e Bondella. 

Furono prima introdotti dalla Svizzera i Lavarelli ma gli esemplari adulti raggiungevano anche 2 o piu kg;  Le sue dimensioni erano decisamente esagerate per le massaie del lago di Como e dunque furono introdotti i coregoni Bondella che non superano i 6 etti di peso

Thymallinae.

” E ora questo, che diavolo è questo?”

 Se sei di fronte a un dubbio del genere, non ti preoccupare!

 Staimo parlando molto semplicemente del temolo. Da tenere in conto che in Italia esistono 2 varietá:

  • Pinne Blu>>> Autoctono
  • Pinne Rosse>>> Alloctono

Noto come Temolo è presente in Italia con le pinne di riflesso azzurre (autoctono) e quelle rosse (alloctono).

QUALI SONO I SALMONIDI DELLE NOSTRE ACQUE?

La trota, insieme al Carpione del lago di Garda e al carpione del Lago Fibreno sono i salmonidi presenti in italia

Carpione del Garda

Si tratta di una specie che si ciba in particolar modo di zooplacton e, in alcuni periodi, di crostacei. Raggiunge la lunghezza massima di 40cm e 0,6kg di peso

Forse non lo sapete, ma l’habitat riproduttivo del carpione è piuttosto unico, questo predatore infatti si riproduce in acque molto limpide e con profonditá che vanno dai 50 agli 80 metri !

Carpione di Fibreno

E questo chi è? Bhe.. si ancora una volta stiamo parlando di un salmonide non certamente conosciuto come la trota. Ma è giusto citarlo!

Si tratta di un salmonide che non supera i 20 cm, dunque di taglia davvero ridotto!

É solito popolare acque molto profonde e povere di luce. I pescatori locali, sostengono che questo pesce ami a tal punto l’oscuritá che gran parte dell’anno vive nelle grotte e cuniculi sotteranei del Lago Fibreno

LE TROTE DELLE ACQUE ITALIANE

Sebbene il Team AletSpinning non ha esperienza diretta delle specie sopra, non si puó dire lo stesso per quanto riguarda la trota! Molti membri Aletspinning pescano la trota in torrente da anni!

Vediamo allora con il Team Alet quali sono le specie piú diffuse nelle acque italiane.

Prima di iniziare a classificare e descrivere le diverse specie di trote è doveroso precisare che SOLAMENTE UN ITTIOLOGO puó distinguere chiaramente l’appartenzenza del pesce a una specie o all’altra. QUI un interessante link se vuoi chiedere a qualche esperto.

Infatti, capita di pescare esemplari che lasciano molti dubbi a riguardo:

  • Sará una fario?
  • sará una iridea?
  • O forse una macrostigma?

Dunque procediamo qui sotto alla descrizione delle livree tipiche ,lasciando ai piú esperti i “casi limite”

I VARI TIPI DI TROTE FARIO

Pescando a spinning in torrente possiamo trovare due tipi di trote fario:

  • Atlantica (alloctona)
  • Mediterranea (autoctona)

Molte volte le trote fario vengono introdotte nei torrenti da adulte e non sono in grado di riprodursi

Potete pescare la trota fario nei torrenti di montagna e collina, ma si trova anche nel fondo valle a volte “incrociata” con la trota marmorata ( la vedremo piú avanti..)

Caratteristiche: Forma allungata e snella, ha una coda dal profilo rettilineo e di generose dimensioni.

È proprio la sua grande coda che le permette di nuotare molte ore controcorrente alla ricerca di cibo! Predilige acque limpide, fresche e ricche di ossigeno.

La presenza di trote fario in un corso d’acqua puó essere un buon indicatore della qualitá dell’acqua stessa.

LA LIVREA DELLA TROTA FARIO E LE SUE CARATTERISTICHE

La livrea assume colori diversi a seconda dello spot.

READ  CHI È IL BARRACUDA MEDITERRANEO

In piccoli torrenti in genere ha colori simili al bruno con numerosi puntini rossi.

Se invece le acque sono ricche di minerali, quali il calcio, la trota fario assume un colore giallastro e presenta una minor quantitá di puntini rossi

Dimensioni: Anche in questo caso, l’habitat gioca un ruolo fondamentale.Nei grandi laghi e nel fondovalle puoi pescare trote fario fino a 4kg .

Diversa è invece la dimensione delle fario nei torrenti di montagna, queste ultime difficilmente raggiungono il chilogrammo di peso

Alimentazione: La sua dieta è ricca di insetti e crostacei, dopo una certa etá e dimensione diventa ESCLUSIVAMENTE  carnivora e la sua attenzione sará rivolta ai piccoli pesci

Note: Se ti piace pescare a spinning le fario, o magari vuoi provare a pescarle, devi sapere che le livree sono diversissime dentro la sua popolazione anche se sempre riconducibili ai 2 ceppi sopra ( Atlantico e Mediterraneo).

Oggi i due ceppi sono spesso indistinguibili in quanto i nostri fiumi sono ricchi di “ibridi”

ALCUNE COSE CHE DEVI SAPERE PER DISTINGUERE I CEPPI

Se per te non è sufficiente distinguere le varie specie di trote fario ma bensí vuoi capire l’origine e provenienza, allora devi possedere alcuni nozioni da “ittiologo” !

Non ti preoccupare…

Qui sotto ti insegneremo le basi che ti permetteranno di risconoscere il ceppo delle trote che peschi

Macchia Preopercolare: È la macchina che si trova nella parte esterna delle branchie poco dopo l’occhio del pesce

Macchietattura/macchie: Sono tutti i puntini sul fianco della trota

Parr: si tratta di aloni, generalmente di forma ovale sottostanti la macchiettatura della trota

Trota Fario Mediterranea

Se proprio vuoi provare a distinguere il ceppo delle trote che peschi a spinning, vediamo qui sotto alcune delle caratteristiche della trota fario mediterranea

Caratteristiche ceppo mediteranneo: Macchia preopercolare scura ben definita, intorno è presente una macchiettatura nera. Le macchie parr sono di colore verde-azzurro lungo i fianchi del predatore. Macchiettatura FINE e presente sia sui fianchi del pesce che sulla pinna. Il corpo è magro e la testa di piuttosto grande.

La trota fario di ceppo Atlantico

Vediamo ora come capire se la trota appartiene al ceppo Atlantico.

Questo genere di trote non presentano macchie PARR, possono anche avercele ma in questo caso devono essere di grandi dimensioni e non sul ventre.

La macchiatura di queste trote è composta da puntini rossi e puntini neri con aureola e disposizione ben definita. La macchia preopercolare è tondeggiante , il corpo piuttosto robusto, non snello e la testa risulta piccola rispetto al resto.

Ibridi tra i due tipi

Come giá detto in precedenza, in natura ci sono numerosissimi ibridi

Questi presentano macchie rosse con aureola bianca, macchie scure sempre con aureola bianca, macchie parr presenti esclusivamente lungo la linea laterale della trota e visibili sono in giovani esemplari.

CHE COSA È UNA TROTA MARMORATA

Lo spinner esperto saprá di certo cosa è una trota marmorata ma se stai iniziando a pescare a spinning alla trota, bhe allora potresti avere qualche dubbio…

La trota marmorata è la trota che vive nei grandi fiumi e corsi d’acqua del fondovalle,  che, generalmente confluiscono nel Polesine (Po)

Questo genere di trota difficilmente viene introdotta in etá avanzata.

Questa specie di trota puó raggiungere notevoli dimensioni , anche ben sopra i 5kg. Generalmente si trovano esemplari sul kg di peso o 2kg.

La trota marmorata è la specie piú timida e diffidente e dunque anche piú difficile da insidiare.

LACUSTRE

Si tratta di una trota fario o marmorata ( diverse idee di corrente tra gli ittiologi) immessa in un grande lago. Questa trote presentano sul dorso delle linee oblique con un disegno a forma di Y

Mi raccomando! Non la confondere con la trota lacustre dei laghi del nord Europa si tratta di specie diverse.

Le trote lacustri italiane possono raggiungere anche i 10kg in alcuni (rari) esemplari adulti

A differenza delle “cugine” che popolano i torrenti, le trote lacustri mostrano (di solito) un corpo tozzo e robusto.

CHE COSA SONO LE TROTE IRIDEE

Se non sai che cosa è una trota iridea, per prima cosa devi sapere che vengono anche chiamate “trote americane”.  Con ció avrai giá capito che non si tratta di una trota originaria delle nostre acque.

La trota iridea infatti viene ampliamente immessa nelle nostre acque anche se (spesso) incapace di riprodursi. Il motivo è da ricercare nella sua facilitá di allevamento e al suo bassissimo costo

Puó raggiungere facilmente i 6-7kg e d in alcuni laghetti (cave) a pagamento girano esemplari anche intorno ai 10kg

QUANDO SI APRE LA PESCA ALLA TROTA

Ora che sai tutte le specie di trote presenti in Italia starai scalpitando per pescare a spinning!

Ma aspetta un momento, conosci il periodo di apertura della pesca alla trota?

Generalmente la pesca alla trota si apre l’ultima domenica di Febbraio, e, in alcune parti come il Friuli, l’ultima domenica di Marzo.

Se hai scelto di pescare in un bellissimo lago alpino, allora dovrai aspettare fino a Giugno

Le tecniche per insidiare questo fantastico predatore sono essenzialmente 3: Lo spinning, al tocco e a mosca.

Ora che sai tutto ma proprio tutto sulle varie specie di trote, non ti resta che prendere la tua canna da spinning e andare a pesca!

Se sei agli inizi, non disperare.. Con un pó di pazienza arriveranno grandi soddisfazioni.

Goditi il fantastico ambiente naturale, lo scroscio dell’acqua e la tua fantastica uscita di pesca se prendi un bel pesce, faccelo sapere! Lascia un commento qua sotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *