Pesca sugarello a spinning: consigli e attrezzatura

sugarello pesca

In questo articolo approfondiamo la pesca al sugarello a spinning.

Il sugarello (detto anche suro, sovre, sciuro, sauro, squamuto) è un carangide di piccole dimensioni, in grado però di regalare giornate di pesca divertenti, soprattutto se si pesca a light shore jigging.

Pesce sugarello

Dopo questa precisazione siamo certi che siate ben coscienti di quale pesce stiamo parlando.

Dove trovare i sugarelli

Generalmente questo pesce raggiunge dimensioni che vanno dai 20cm  ai 40 cm per gli esemplari adulti “extra large”. II peso è di solito trai 200 e i 500 grammi per quelli più grandi.

A seconda delle stagioni, il sugarello staziona in profondità oppure in superficie.

Durante l’inverno, in presenza di acque fredde, è solito stazionare in zone d’acqua intermedia e piú vicino al fondo.

In estate, invece, richiamato dai banchi di acciughe che si avvicinano alla costa, dà vita a mangianze anche di grandi dimensione.

Durante la stagione stagione calda, dunque, è un pesce che nuota prevalentemente negli strati superficiali d’acqua.

Gli spot dove puoi pescare il sugarello a spinning sono diversi.

Innanzitutto scarterei gli arenili, anche se a volte qualche può capitare di incrociare i . Ti suggeriamo invece di insidiare i sugarelli a spinning a 300 metri da riva con la barca.

In genere, specie al largo di coste alte rocciose, questi piccoli predatori danno vita a grosse mangianze di acciughe.

Se sarai in grado di individuarne una, allora ti dovrai avvicinare lentamente epr poi scagliare dentro la “palla di acciughe” il tuo artificiale.

Qualora non hai la fortuna di possedere una barca, non disperare.

Questi pesci sono insidiabili anche direttamente dalla scogliera senza troppe complicazioni. Consigliamo scogliere alte e in assenza scogliere basse artificiali con slancio verso il largo. (Vedremo nel dettaglio qualche montatura interessante al riguardo.)

Anche i Porti sono ottimi spot dove pescare i sauri.

I sugarelli sono richiamati dalla presenza di pesce foraggio che possono cacciare senza troppe difficoltà.

Canna e mulinello per i sugarelli

Come detto in precedenza, il sauro è un pesce di taglia ridotta.

Di conseguenza, l’attrezzatura utilizzata non dovrà tenere in conto sforzi eccessivi sia sul mulinello che sulla canna.

Tuttavia questa pesca sará piuttosto frenetica in quanto gli artificiali utilizzati andranno recuperati a una velocità medio-rapida. In questi casi, un mulinello con una buona velocità di recupero potrebbe fare al caso tuo.

Quindi, si consiglia di scegliere un mulinello con una buona meccanica piuttosto che qualche modello noto per la sua robustezza al drag. Per quanto riguarda la capienza, ti consigliamo di optare per un buon mulinello 3000 -4000.

Daiwa LEGALIS LT 3000 C
  • ✅ GARANZIA TOTALE: questo prodotto è garantito per 2 o 3 anni a seconda delle indicazioni del produttore.
  • ✅ SPEDIZIONE SICURA: la spedizione del prodotto viene assegnata solo a corrieri ad alta affidabilità ed i pacchi sono realizzati in maniera molto robusta.
  • ✅ GRANDE MARCHIO: questo prodotto appartiene ad un marchio di alta qualità.
Offerta
Reel Stradic CI4+ RA 2500
  • ✅ GARANZIA TOTALE: questo prodotto è garantito per 2 o 3 anni a seconda delle indicazioni del produttore.
  • ✅ SPEDIZIONE SICURA: la spedizione del prodotto viene assegnata solo a corrieri ad alta affidabilità ed i pacchi sono realizzati in maniera molto robusta.
  • ✅ GRANDE MARCHIO: questo prodotto appartiene ad un marchio di alta qualità.
Reel Stradic FL 2500
  • Rapporto di trasmissione: 5.3:1
  • metri/ millimetri: 160/0.25
  • Recupero linea: 78 centimetri
Daiwa 18 Ninja LT3000D-C
  • La Daiwa Ninja LT è il modello successivo del già leggendario Daiwa Ninja A.

La giusta canna per pescare i sugarelli sará prevalentemente morbida e con una ottima azione di lancio soprattutto se non possiedi una barca.

Un modello di lunghezza compresa tra i 2,10 metri e i 2,70 con capacità di lancio dai 3 ai 15 grammi rappresenta un’ottima scelta per i suri.

Migliori artificiali per sugarelli a spinning

Questo piccolo carangide è caratterizzato da una struttura orale ( bocca) molto esile.

Se vuoi praticare del buon (e sano) “catch and release” allora dovrai prestare attenzione sia in fase di allamata che in fase di recupero e slamata.

La bocca dei sugarelli è fragilissima ed è veramente facile lesionarli gravemente.

Per evitare questo inconveniente si possono utilizzare alcuni stratagemmi tra cui montare un artificiale un pó piú grande in modo tale da (cercare di) selezionare gli esemplari.

Oppure si puó ricorrere ad un amo singolo.

Gli artificiali per il sugarello sono principalmente:

  • jig
  • Ondulanti
  • Minnow sinking
  • Siliconici
  • Piume

Tutte le esche artificiali utilizzate saranno di piccole dimensioni.

I Jig, ad esempio saranno sui 10-15 g grammi, di forma snella e colori sgargianti.

Savage Gear 3D Needle JIG 7 g – Rosa Flash Glow
  • Dimensioni: 6 cm
  • Peso: 7 g
  • Venduto senza ami
Offerta
Molix Jugulo Wide Cas.jig 15gr., Casting Unisex Adulto, Crazy White, 15 gr
  • 11.99 (5 cm)
  • Crazy white
  • Il profilo wide permette una lenta azione di caduta (slow fall action)

Ottimi risultati sono stati ottenuti con il rosa/argento o il colore naturale blu/argento.

Minnow sinking di ridottissime dimensione, corpo assolutamente slim. Questo genere di artificiale potrá “farci catturare” qualche bel sughero di ottime dimensioni.

JATSUI Jack Minnow Sinking, Colore 001 Artificiale da Pesca,...
  • Equipaggiato con ancorette vmc serie 9649
  • Particolare silhouette e piombatura fissa
  • Comportamento in acqua sinuoso, veloce e pronto ad ogni sollecitazione della canna

Le piume, scarsamente utilizzate a spinning, sono invece ampiamente utilizzate da chi pratica la traina costiera. Anche questi con ottimi risultati soprattutto sugli esemplari di dimensioni ridotte.

Alcuni angler utilizzano anche le esche siliconiche con testine Jig Head per pescare questo pesce. Questa montatura è ottima quando i sugarelli non sono ancora in superficie, ad esempio in primavera.

Pesca al sugarello con il sabiki

Nota a parte per la pesca di questo simpatico predatore è la pesca con gli artificiali chiamati sabiki.

Che cos’è un sabiki?

Se sei solito pescare con esche naturali è possibile che tu non sappia cosa siano queste esche. Un sabiki è un finale di 6 o 7 ami muniti di piumette o fibre rifrangenti.

Il sabiki non è altro che una imitazione di pesce foraggio. Proprio sui folti gruppi di acciughe banchettano indisturbati aletterati, tombarelli, sgombri e sugarelli.

Ecco allora che montando questo genere di esca artificiale potrai insidiare senza problemi questi `predatori.

Per quanto riguarda il sugarello e/o lo sgombro il sabiki è estremamente indicato in quanto gli ami sono piccoli rispetto alle ancorette dei jig o agli ami singoli.

Dunque le piccole bocche di sgombri e sugarelli potranno ghermire senza nessun problema questi artificiali.

La pesca dei sugarelli con il sabiki è ampiamente impiegata nella traina leggera ma anche a spinning.

Potrai pescare i sugarelli da riva montando una bombarda o un jig come piombo, e usando come finale dei sabiki.

Montatura per sugarelli

Per pescare i sugarelli a spinning non avrai bisogno di chissá quale montatura. È sufficiente una lenza madre e un finale preferibilmente di fluorocarbon.

Non esagerare con il diametro, monta un bel 0,18 e non avrai alcun tipo di problema.

Lenza madre dello 0,25 se vuoi pescare con nylon, dello 0,10 – 0, 09 mm se si tratta di trecciato. Per il terminale, un fluorocarbon dello 0,18 – 0,20 è più che sufficiente.

In che periodi si pescano i sugarelli

La stagione migliore per insidiare il suro a spinning è senza dubbio dalla fine della primavera fino al principio dell’autunno.

In particolar modo, suggeriamo l’alba il tramonto.

Spesso questi pesci entrano in frenesia alimentare in queste ore, ovvero durante il cambio di luce.

Ricordatevi che cacciano in branco. Dunque, individuato un esemplare, di sicuro ce ne sono altri.

Come pescare il sugarello o suro

Se state pescando in presenza di una mangianza è possibile che questa “svanisca nel nulla” in men che non si dica.

Magari proprio avvicinandovi con la barca.

Questo accade quando predatori di maggiori dimensioni (tombarelli,aletterati e soprattutto tonni) sono anch’essi richiamati dal ghiotto bottino delle acciughe.

In questi casi, spesso i sugarelli si spostano in uno strato d’acqua “sottostante” lasciando il “via libera” ai grandi predatori.

Prova allora a sondare strati d’acqua piú profondi. In questo caso usa un ondulante e lascialo affondare sino a raggiungere il fondo.

A questo punto inizia a recuperare a canna alta con jerkatine leggere e velocitá di recupero costante.

Spesso questa tecnica di pesca da risultati in scarsa presenza dei sugarelli in superficie oppure in presenza di deboli mangianze che svaniscono rapidamente.

Il sugarello non è uno dei predatori piú ambiti ma comunque è un ottimo predatore capace di farci trascorrere una divertente giornata di pesca in mare

É anche divertente ” ricercarlo” sondando i vari strati d’acqua!

Dunque , Perchè no? Provare per credere…

Ah, prima di salutarvi, qualora voleste provare a pescare il sugarello con un’altra tecnica di pesca eccovi una lista pronta all’uso!

Seguici ed entra a far parte della nostra community:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.